inquinamento dell'aria
info
   
home page
inquinamento dell'aria
inquinamento indoor
inq. principali
monitoraggio inquinanti
sistemi di abbattimento
buco dell'ozono
effetto serra
smog fotochimico
mappa del sito
glossario
Forum di discussione
normativa
libri sull'inquinamento dell'aria
aziende del settore
principi di tossicologia
 
 

Effetti delle piogge acide sulla visibilitÓ


La visibilità viene generalmente considerata come sinonimo di “range visivo”, intendendo la distanza più lontana alla quale si può vedere un oggetto scuro e di grandi dimensioni stagliarsi contro il cielo all’orizzonte.

Diversi fattori possono condizionare la distanza alla quale una persona può vedere attraverso l’atmosfera:
le proprietà ottiche dell’atmosfera;
l’ammontare e la distribuzione della luce;
le caratteristiche dell’oggetto osservato;
le proprietà dell’occhio umano.


La visibilità viene ridotta per l’assorbimento e la riflessione della luce dovuta sia alla presenza dei gas che delle particelle nell’aria. In ogni caso, è la riflessione della luce causata dalle particelle il fenomeno più importante che determina una diminuzione della visibilità.
In condizioni atmosferiche limpide una persona è in grado di vedere anche a distanze di diverse centinaia di Km (tanto per fare un esempio si dovrebbero vedere delle montagne poste anche a 200-300 Km di distanza).
Nel caso in cui ci si trovi in un ambiente inquinato la visibilità si può ridurre a meno di 10 Km.
I solfati ed i nitrati che si formano nell’atmosfera a partire dalle emissioni di biossido di zolfo e di ossidi di azoto contribuiscono in modo determinante alla diminuzione della visibilità.
Si ritiene che nelle aree a forte industrializzazione e nelle zone limitrofe le particelle di solfato siano responsabili per il 50-70% del fenomeno.
Il tutto è difficile da quantificare perché molti fattori possono contribuire, e fra questi soprattutto l’umidità ed il particolato carbonioso oppure quello originato dal suolo.
Comunque si ritiene che la causa principale di questi episodi sia l’acido solforico derivato dalle emissioni di SO2 che, reagendo con i composti alcalini presenti nell’aria, forma varie particelle fini, per lo più di solfato d’ammonio e di solfato di calcio.
   
descrizione del fenomeno
diffusione
meccanismo di acidificazione
effetti sui materiali
effetti sulla vegetazione
effetti sugli ecosistemi
effetti sull'uomo
 
 
effetto sulla visibilità